Guida per principianti su come battere l’algoritmo di LinkedIn nel 2023

Che ti piaccia o no, LinkedIn è considerato un canale essenziale per qualsiasi marketer B2B. E come ogni altra piattaforma di social media, devi conoscere e comprendere l’algoritmo per padroneggiare la piattaforma e adottarne i continui cambiamenti. Questo blog parla di come e perché LinkedIn dovrebbe far parte della tua strategia di marketing, di come uno strumento di gestione dei social media può aiutarti a rafforzare la tua strategia di marketing e di come padroneggiare l’algoritmo di LinkedIn nel 2023.

LinkedIn è quel cugino inaccessibile di Facebook, che è del tutto rispettoso e formale. Poiché Instagram è incentrato sulla grafica, LinkedIn è incentrato sulle connessioni. Proprio come Facebook, puoi gestire una pagina aziendale per connetterti con i tuoi clienti attesi su LinkedIn.

Per inserzionisti, imprenditori, persone o visionari del business, LinkedIn è una fattoria paradisiaca.

Tuttavia, c’è una cosa che separa LinkedIn dagli altri media online: la sua perfetta portata organica. LinkedIn ti offre una straordinaria copertura  organica in un periodo limitato.

Qual è l’algoritmo di LinkedIn?

L’algoritmo di Linkedin determina l’aspetto del feed di un utente o quali tipi di post di aziende, persone e argomenti verranno pubblicati. L’algoritmo opera su larga scala. Può influenzare miliardi di post al giorno. Sta cercando di rendere il newsfeed più attraente e user-friendly. Il marketing di LinkedIn non è un grosso problema se conosci l’algoritmo. Conoscere l’algoritmo e come funziona nel 2023 può far ripagare i tuoi sforzi di marketing.

Come funziona l’algoritmo di LinkedIn?

L’algoritmo di LinkedIn non è lo stesso dell’algoritmo di Facebook, ma alcune somiglianze. LinkedIn ha implementato un processo in quattro fasi per la distribuzione dei contenuti attraverso la sua rete per ridurre le possibilità di spam o contenuti inappropriati. Comprendere i passaggi che LinkedIn esegue prima di ridurre (o amplificare) la portata dei tuoi contenuti è parte integrante dell’utilizzo di LinkedIn come canale per il content marketing.

Recentemente, un flusso di lavoro visivo è stato pubblicato da LinkedIn, che mostra come funziona. Dai un’occhiata a questo:

Come funziona l'algoritmo di Linkedin

Anteprima dietro le quinte dell’algoritmo di LinkedIn

Ogni volta che pubblichi un aggiornamento su LinkedIn, ecco cosa succede dietro le quinte. Ci sono tre categorie in cui possono dividere i tuoi contenuti. Non appena pubblichi un articolo o un’immagine, il bot lo inserisce in tre tipi qualsiasi. L’obiettivo è inserire il tuo post nella categoria “chiaro” ed evitare lo spam. Dopo aver verificato la credibilità del tuo post, l’algoritmo di LinkedIn ne determina anche l’utilità e la rilevanza. Ed è qui che inizia la parte divertente!

  1. A partire dal filtro iniziale

Ogni volta che pubblichi un aggiornamento su LinkedIn (anche se si tratta di un’immagine), un bot inserisce immediatamente il contenuto in una delle tre categorie:

  • Spam
  • Di bassa qualità
  • Chiaro

Vuoi essere nella categoria “chiaro”. Se i tuoi contenuti vengono inseriti nella categoria “di bassa qualità”, potresti ancora avere speranza. Potrebbe anche passare alle fasi successive.

  1. Sessione di test

    La seconda parte è il processo di test del pubblico. Una volta che i robot hanno classificato il tuo post, lo inviano al tuo pubblico per vedere quanto è popolare il contenuto. All’inizio lo mostrano a un gruppo più piccolo di persone.

    In questa fase, il tuo post deve evitare che gli utenti “nascondano” i tuoi contenuti dai loro feed. Oppure contrassegna il post come “Segnala come spam”.

    Consiglio dell’esperto: evita un post fastidioso o offensivo. Non postare troppo. Smetti di pubblicare contenuti irrilevanti. Cerca di focalizzarlo sul pubblico e sulla nicchia del profilo.

  2. Come evitare i filtri antispam?

Algoritmo di LinkedIn Evita il filtro antispamIl coinvolgimento iniziale del tuo post deciderà se è abbastanza buono per passare il filtro antispam. Assicurati che gli utenti non nascondano il tuo post dal loro feed di notizie o lo contrassegnino come spam. E per evitare ciò, è necessario considerare la seguente domanda prima di pubblicare:

  • Pubblichi troppi contenuti?
  • Questo post è offensivo per qualsiasi persona o entità?
  • Le persone nella tua cerchia sono interessate a questo post?
  • Perché questa notizia/aggiornamento è così importante da pubblicare?
  • È rilevante per la professione della tua cerchia?

LinkedIn è più un circolo di networking professionale, rispetto a Facebook o Instagram. Le persone condividono più cose relative alla loro vita professionale su LinkedIn.

  1. Punteggio dei contenuti

    Considera questa fase come i punti della casa di Hogwarts! Una volta posizionate davanti alla selezione dei tuoi amici, azioni diverse hanno pesi diversi nell’algoritmo. Ad esempio, un “mi piace” può avere solo un punto, mentre un commento ha due punti. Una “condivisione” indica che il contenuto è popolare, quindi tre punti. Il punteggio del post deciderà il suo futuro o il suo destino. Verrà retrocesso perché è di bassa qualità o mostrato a più persone perché è di alta qualità.

  2. Valutazione di persone reali

    Se ottieni coinvolgimento sul tuo post, l’ultima fase viene trasmessa a “persone autentiche su LinkedIn”. Che poi leggono ogni post e decidono di inviare i tuoi contenuti a più persone, o se questa è la fine della linea. Gli editor invieranno anche il contenuto a persone al di fuori della tua rete se il contenuto funziona bene. Apparirà in “contenuti di tendenza” sull’app, contenuti di attualità nel feed delle notizie, ecc.

Sii più produttivo con lo strumento di pianificazione di LinkedIn​​

Gestisci facilmente pagine e profili aziendali di LinkedIn con altri social network utilizzando Social Champ

Come battere l’algoritmo di LinkedIn nel 2023

Comprendere l’algoritmo non è così difficile come pensi. Quindi, i post di tendenza (che hanno ottenuto molto coinvolgimento) sono la prima cosa che vedi sul tuo feed di LinkedIn. Quindi, un’opzione ti consente di ordinare i post per “Top” o “Pertinenza”.

Ora, come fa LinkedIn a sapere cosa è rilevante per noi? La risposta è semplice. LinkedIn spinge i contenuti in base alle nostre attività recenti, come i nostri commenti, chi seguiamo, ecc.

Ecco alcuni suggerimenti per padroneggiare l’algoritmo di LinkedIn nel 2023.

  1. Scegli il momento giusto per pubblicare

    Il momento migliore per pubblicare su linkedIn

  2. Qual è il momento migliore per pubblicare su LinkedIn nel 2023?

    La scelta del tempismo perfetto per realizzare un post è fondamentale. Se stai postando alle 2 del mattino, quando la maggior parte della tua rete è addormentata (sfumature del fuso orario a parte), il tuo post può rimanere attivo per ore prima di ricevere Mi piace o commenti, non importa quanto sia bello. LinkedIn è una rete professionale e la maggior parte delle persone lavora dalle 9:00 alle 17:00

    Secondo  un’altra ricerca , il momento migliore per postare dipenderà dai test che esegui. La posizione, i fusi orari e le abitudini quotidiane delle persone influenzano quando sono su LinkedIn, che differisce in ogni segmento di pubblico.

    Infatti,  il 50% degli utenti di LinkedIn controlla i propri account tramite dispositivi mobili, il che implica che hai tante possibilità di raggiungere le persone fuori orario come durante la giornata lavorativa. Puoi utilizzare uno strumento di pianificazione di LinkedIn per essere attivo in diversi fusi orari. Come Facebook o Pinterest, LinkedIn non offre la programmazione dei contenuti. Tuttavia, puoi utilizzare uno scheduler LinkedIn di terze parti per ottenere il massimo dai tuoi sforzi di marketing.

Articolo correlato: ” Perché e come programmare i post di LinkedIn nel 2023? 

  1. Riconosci il tipo di contenuto che LinkedIn desidera ardentemente

    Le fonti di LinkedIn sono ragionevolmente chiare su ciò che vogliono che sia l’obiettivo della loro piattaforma: il mondo professionale. Invece di GIF animate, video di Ellen e screenshot personali.

    L’algoritmo di LinkedIn ha lo scopo di mostrare agli utenti notizie, annunci di lavoro e contenuti tempestivi e accessibili che abbiano valore per la carriera di qualcuno (sia come imprenditore che come dipendente), siano rilevanti per il settore in cui operi, offrano un consiglio relativo al business crescita o una carriera. Può trattarsi di immagini, video, post di articoli di LinkedIn, collegamenti a pagine Web esterne o aggiornamenti di testo.

  2. Utilizza lo strumento per editori di LinkedIn

    Non c’è dubbio che LinkedIn stia spingendo i post che provengono dal loro strumento Publisher, che finiscono su LinkedIn Pulse, ora integrato con il feed della home page. Spetta agli utenti pubblicare come singoli autori (senza nascondersi dietro il nome di una società). Tu o i tuoi dipendenti potete scrivere post sul blog tramite Publisher e condividerli con la vostra rete.

    Il caporedattore di LinkedIn spiega che i post degli editori vengono visualizzati nel feed per le tue connessioni e follower in base al tempo. Quindi, assicurati di seguire i prossimi suggerimenti per mantenere il post circolare attraverso l’algoritmo di LinkedIn.

Articolo in primo piano: ” programmare i post di Facebook come un genio! 

Cosa devo pubblicare su LinkedIn?

Sebbene LinkedIn sia essenzialmente una piattaforma di social media B2B, sia i marchi B2B che B2C possono trarre profitto dalla pubblicazione. I capi di Virgin (contando Richard Branson), IBM e Microsoft pubblicano tutti su LinkedIn.

La pubblicazione di contenuti su LinkedIn amplia il tuo ambito e ti consente di interagire direttamente con i tuoi clienti.

Esistono due approcci fondamentali per pubblicare su LinkedIn. Il primo è LinkedIn Publisher, in cui puoi comporre un articolo a struttura lunga, in genere da cinque a sette passaggi, e condividerlo con i tuoi collegamenti LinkedIn.

Strumento di pubblicazione di LinkedIn

Il secondo è un aggiornamento di LinkedIn, una funzionalità simile a Twitter ideale per aggiornamenti e messaggi brevi e concisi.

Stato Linkedin

I post di LinkedIn sono per lo più come aggiornamenti di stato di Facebook e tweet su Twitter. Il limite di caratteri per i post di LinkedIn è 1.300. Tuttavia, una volta che l’aggiornamento supera i 210 caratteri, viene visualizzato un’opzione “Visualizza altro”. Le persone dovranno fare clic su “Visualizza altro” per visualizzare l’intero post. I post più brevi sono migliori, ma la folla di LinkedIn è più disposta a esaminare gli aggiornamenti più lunghi se sono importanti.

È essenziale considerare la tua pratica di pubblicazione su LinkedIn. I post più condivisi dagli utenti di LinkedIn sono video, post con immagini e quindi post con testo normale. Se vuoi condividere un blog, come Facebook, LinkedIn genera anche un’anteprima del link cliccabile. È meglio rimuovere il collegamento una volta che genera l’anteprima. Questo renderà il tuo aggiornamento più pulito. Il cross-posting  (la pratica di pubblicare lo stesso contenuto su tutti i canali dei social media) potrebbe danneggiare la tua presenza su LinkedIn. È sempre una buona pratica sviluppare una didascalia originale che risuoni con il tuo pubblico di LinkedIn.

Puoi iniziare a scrivere un articolo o pubblicare un aggiornamento direttamente dal compositore di contenuti che appare sul tuo newsfeed.

Articolo in primo piano: 15 strumenti di analisi dei social media per risultati immediati nel 2023

Come usare gli hashtag su LinkedIn?

Gli hashtag sono anche un affare più importante su LinkedIn ora. Più usi gli hashtag su un post di LinkedIn, meglio categorizza i contenuti ed evidenzia i post rilevanti per ogni utente. Gli hashtag sono un modo brillante non solo per aumentare la tua portata, ma anche per scoprire rapidamente contenuti simili. LinkedIn ti offre la possibilità di bloccare i tuoi hashtag preferiti. Puoi bloccare gli hashtag relativi al tuo settore per vedere gli ultimi aggiornamenti sul tuo feed di notizie.

Hashtag su LinkedIn

Costruire connessioni è un aspetto essenziale di LinkedIn. Tuttavia, chi dovresti aggiungere a LinkedIn dipende dal tuo approccio al branding.

Articolo in primo piano: come promuovere il tuo canale YouTube nel 2023

Chi devo aggiungere su LinkedIn?

Ricorda che non si tratta solo della tua pagina aziendale. Ti rappresenti come un marchio su LinkedIn. Il tuo profilo dovrebbe apparire professionale e completo. Tutti i dettagli: foto del profilo, un riepilogo su di te, esperienza lavorativa, qualifiche, certificazioni, tutto dovrebbe essere pertinente. Le persone che aggiungi come connessioni su LinkedIn rappresentano il modo in cui desideri che tu o la tua organizzazione vengano visti. Tutto dipende dal tuo approccio al branding: a quali tipi di persone vuoi rispondere ai tuoi aggiornamenti.

Cerca di creare una community forte e propositiva su LinkedIn

Proiettare una rete più ampia significa portare il tuo messaggio davanti a utenti più plausibilmente incuriositi. Tuttavia, è qui che puoi tracciare le linee guida del tuo marchio. È possibile ottenere una risposta comprensiva condividendo un meme o un dibattito politico, ma potrebbe non essere così strettamente correlato al tuo marchio e approccio generale.

Non sei sicuro di come sfruttare l’algoritmo di LinkedIn con Social Champ?

Impara a gestire le pagine e i profili aziendali di LinkedIn con contenuti creativi dai tutorial della piattaforma sul nostro canale YouTube

5 cose per ottenere il massimo dalla strategia di marketing di LinkedIn nel 2023

Non è difficile ottenere un marketing di successo su LinkedIn nel 2023; tutto ciò di cui hai bisogno sono nuove idee per far riconoscere professionalmente i tuoi contenuti.

  1. Ottimizza i tuoi contenuti per il coinvolgimento

    Il contenuto che pubblichi su LinkedIn dovrebbe essere ottimizzato in base al coinvolgimento e alla qualità. Può avere giochi di parole o battute divertenti per far ridere i professionisti. Crea post con suggerimenti preziosi e relativi alla carriera con statistiche pertinenti del settore o dell’azienda. Sii breve e includi un link, un’immagine o un video. Usa gli hashtag. I tuoi post possono diventare post di tendenza su un hashtag specifico.

    Il test A/B con strumenti e analisi su LinkedIn è essenziale per monitorare le prestazioni dei contenuti. È meglio continuare a rivedere e sperimentare fino a quando non capisci cosa funziona meglio per il tuo pubblico (e nel tuo settore) su LinkedIn.

    Uno dei migliori coach di LinkedIn, Andy Foote, ha condiviso i suoi consigli da esperto e ha risposto ad alcune domande frequenti sull’algoritmo di LinkedIn e ha spiegato in questo blog quale tipo di contenuto funziona bene su LinkedIn . Secondo la ricerca e lo studio di Andy,

    “Mi sono abituato a una routine che consiste principalmente nel pubblicare testo più un’immagine o un testo più un documento. Ottengo visualizzazioni / coinvolgimento decenti. Ed è stato incoraggiato vedere che LinkedIn ha recentemente aggiunto una scheda Documenti nella sezione delle attività.

  2. Programmazione dei contenuti

    La pianificazione dei contenuti è una delle cose più importanti qui. Il tempismo è tutto! Devi pubblicare il contenuto giusto al momento giusto. Lo strumento di gestione di LinkedIn come Social Champ ti consente di mantenere i tuoi profili. Questi strumenti non solo fanno risparmiare tempo, ma ti offrono anche i migliori suggerimenti e analisi dei contenuti. Per fare marketing su LinkedIn in modo professionale, devi lavorare in modo professionale con questi strumenti. Gli strumenti di pubblicazione sui social media ti aiuteranno a prendere le misure appropriate per ottenere un maggiore coinvolgimento sui post.

  3. Messaggi LinkedIn

    Un modo semplice per riconnettersi è commentare gli aggiornamenti delle persone nella tua rete. Vedi una conversazione interessante? Aggiungi un commento con i tuoi pensieri o condividi un fantastico articolo che hai letto sulle tendenze del 2023 con le tue connessioni tramite i messaggi di LinkedIn .

  4. Usa reazioni e commenti con saggezza

    I primi 60 minuti dopo la pubblicazione dei contenuti sono la parte più cruciale del successo del tuo content marketing. È l'”ora d’oro” per il tuo post. Se nessuno reagisce ai tuoi post entro 60 minuti dalla pubblicazione, è probabile che non funzionerà bene. La velocità di coinvolgimento del tuo post dipende dal rapporto tra copertura, pertinenza, visualizzazioni, reazioni e condivisioni. Cerca di ottenere più di 20 impegni (risposte o commenti) nella prima metà.

    Come?

    Informa i tuoi dipendenti del post. Usa i tuoi mezzi di comunicazione interni, come Slack, Trello o Jira, per informare tutti del post e chiedere loro di partecipare.

    I commenti sono il re dell’engagement. Se vuoi massimizzare la tua portata, devi reagire/rispondere a ogni commento sul tuo post. Interagisci con nuovi follower per tenerli aggiornati.

    Usa menzioni e hashtag. In media, devi utilizzare un minimo di 5 hashtag in ogni post e taggare un massimo di 3 utenti LinkedIn. Se condividi la citazione o l’intervista di qualcuno, dai loro credito o informali taggando il tuo post in modo che possano condividerlo anche con i loro follower.

    Concentrati maggiormente sulla qualità piuttosto che sul numero dei tuoi post. Misura il coinvolgimento, non le visualizzazioni.

  5. Costruisci il tuo pubblico in modo strategico

    Rilevanza, credibilità, follower e connessioni giocano un ruolo importante nell’algoritmo di LinkedIn.

    Sarebbe meglio far crescere il tuo pubblico personale o aziendale (o entrambi) su LinkedIn. Assicurati che il tuo profilo sia pubblico in modo che più persone possano trovarti, aggiungerti e vedere i tuoi post.

    Sia che tu gestisca un profilo personale o una pagina aziendale su LinkedIn, assicurati di compilare il tuo profilo e la pagina aziendale nel modo più completo possibile. E tienili aggiornati. Aggiungi connessioni, incoraggiando i dipendenti a dimostrare che lavorano nella tua azienda.

    Ecco cos’altro puoi provare:

    • Partecipa ai gruppi di LinkedIn o ospitane uno tuo.
    • Dare e ricevere raccomandazioni.
    • Partecipa alle conversazioni e sii attivo sulla rete.
    • Promuovi i tuoi profili LinkedIn e le pagine aziendali sul tuo sito web e in altri spazi appropriati.
    • Condividi i post di altri utenti e probabilmente condivideranno i tuoi.

LinkedIn è principalmente un social network, quindi aiuta ad essere social. Sii gentile con gli altri condividendo i loro post. O incorporando i loro video sul tuo sito. Queste azioni aumentano la copertura del tuo profilo. Inoltre, se ti sforzi di essere un  influencer di LinkedIn , fare amicizia su LinkedIn è una buona idea. Tuttavia, i post degli editori ottengono ancora più visibilità al di fuori del feed della home page su LinkedIn. Vengono mostrati sul tuo profilo e come punti salienti.

Articolo correlato: Qual è il momento migliore per pubblicare sui social media nel 2023

15 statistiche di marketing di LinkedIn che ogni marketer dovrebbe conoscere nel 2023

Potrebbe sembrare che LinkedIn non sia una piattaforma di social media così vecchia e di spicco come Facebook o Twitter, ma LinkedIn compirà 18 anni nel 2023. È disponibile in 24 lingue diverse e ha 33 uffici in tutto il mondo e oltre 15.000 dipendenti a tempo pieno. La famiglia di LinkedIn vanta 740 milioni di membri in tutto il mondo, aiutandosi e sostenendosi a vicenda, salendo i gradini della realizzazione. È considerata la rete di social media più affidabile negli Stati Uniti

Se hai ancora dubbi sull’aggiunta di LinkedIn come parte del tuo piano di social marketing per il 2023, queste statistiche aggiornate possono farti cambiare idea.

15 Statistiche di marketing di LinkedIn

16 nuove funzionalità di LinkedIn che dovresti provare nel 2023

Come discusso in precedenza, puoi aspettarti milioni di visualizzazioni e un’ottima copertura organica senza pubblicità su LinkedIn. L’algoritmo di LinkedIn 2023 prevede che tu provi le sue funzionalità appena implementate. Quindi, ecco la tua occasione per potenziare il tuo marketing nel 2023 utilizzando queste 16 funzionalità lanciate di recente da LinkedIn menzionate nell’elenco seguente:

  1. Video in diretta
  2. LinkedIn Sondaggi
  3. Reazioni
  4. Pronunce dei nomi
  5. Immagini a carosello nei post organici
  6. Videoconferenze
  7. Modifica i messaggi dopo l’invio
  8. Evidenzia i post in primo piano sul profilo
  9. Scheda Evento per creare eventi
  10. Scheda “Visualizza follower della pagina”.
  11. Notifica ai dipendenti del tuo posto
  12. “I miei elementi” per salvare le tue raccolte di post
  13. Cornici per foto con #OpentoWork o #Hiring
  14. Unisci account
  15. Feedback AI per semplificare il processo di assunzione

In poche parole

Una volta compreso l’algoritmo di LinkedIn e saputo come funziona, capirai perché così tante persone che una volta avevano migliaia di Mi piace sui loro post ora si lamentano che ne stanno generando solo una manciata. È perché le tattiche e le strategie che stavano usando ora vengono classificate come contenuti di bassa qualità.

Il coinvolgimento è fondamentale per l’algoritmo e dipende dalla pertinenza, dalla portata della tua rete, dai tempi in cui controllano LinkedIn e dalla tua credibilità presso quel pubblico. Utilizzare la piattaforma LinkedIn Publisher è una buona idea.

A volte puoi ripubblicare post dal tuo blog, ma non sempre, e solo quando sai cosa stai facendo mentre la reciprocità vince su qualsiasi strategia di social media, incluso LinkedIn. Utilizza analisi ed esperimenti per perfezionare la tua strategia di marketing.

Inizia a sperimentare con i post su LinkedIn! Inizia a passare del tempo sul feed di LinkedIn!

Buon collegamento! Rimani connesso!

Saadiya Munir

Saadiya Munir

I'm part of #ChampFam as a Senior Content Strategist. Computer Science graduate who hates to code. Introverted. Mostly hungry or sleepy. Writing a novel is always on my bucket list, and eventually, when I'm done with all the movies on my watch-list and tasks on my to-do list, I'll get to it. Twitter handle: @munirsaadiya

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Related Posts